ANTROCOM

Online Journal of Anthropology

Volume 3, Number 2, 2007


Everybody is the Good One! Living History and Monuments at the Little Big Horn Battlefield Site
by SANDRA BUSATTA

Two re-enactments are performed by Crow Indians and white re-enactors near and on the Little Big Horn Battlefield National Monument, as the Custer Battlefield was renamed after President G.W. Bush signed a bill in 1991, which approved the change of the name and the building of an Indian Memorial close to the monument on the mass grave on the Last Stand Hill. Little Big Horn has become a symbol for much more than a small stream near which a mere skirmish by military standards took place in south-eastern Montana more than 130 years ago. The "battle" involved Custer, a man of marginal historical importance, and ironically it was crucial to the defeat of the resistant Sioux and their allies. In the aftermath of the battle, the US Army appropriated both the story and the battlefield, but their interpretation, once conventional, became hopelessly outmoded in the 1980s. Hence, the renaming of the battlefield and the building of the Indian Memorial attempted to convert it from a shrine to manifest destiny to a historical site where different people might construct multifaceted memory.

[Read the article in PDF format (176 Kb)]


Antropologia e cooperazione allo sviluppo: le regole della buona convivenza
by MARIA CHIARA MIDURI

I concetti di Sviluppo e di Cooperazione Internazionale sono particolarmente complessi e in continua evoluzione, tuttavia essi non sono termini astratti, ma sono diventati principi che, tramutandosi in precise scelte politiche, incidono direttamente sulla vita quotidiana degli individui, nel presente e nel futuro. Quando ci si occupa di cooperazione allo sviluppo si cerca di andare alla radice dei problemi che creano povertà, miseria e soprattutto disparità ed ingiustizie nel mondo, e questo si può fare operando da prospettive diverse.

[Read the article in PDF format (56 Kb)]


Medea è più colpevole di Achille? Donne e cadaveri, ovvero la sindrome di Absirto
by VALERIA PALUMBO 

Esiste un rapporto “privilegiato” tra donne e riti della morte e quindi cura dei cadaveri. Questo vuol dire che esistono tabù più forti: è il motivo per cui le donne che, nel corso della storia, li hanno violati hanno creato maggiore scandalo. Dalla leggendaria Medea, passando per Fulvia, Irene di Bisanzio e Ageltrude, alcuni esempi significativi. E qualche aneddoto, da Marozia a Inês de Castro per analizzare questi tabù dal lato opposto.
[Read the article in PDF format (37 Kb)]


Claude Lévi-Strauss: uno sguardo da vicino. Colloquio con Mariano Pavanello
by  CATERINA GERARDI

In occasione dei 99 anni del grande studioso abbiamo deciso di iniziare un colloquio con alcuni antropologi italiani per iniziare a trarre un bilancio sullo strutturalismo e, in generale, sull’opera di questo straordinario ricercatore.
[Read the article in PDF format (34 Kb)]


LOST VEMA. Luoghi, Osmosi, Società e Territorio. Dinamiche e processi di antropizzazione a VEMA
by  MORENO TIZIANI, MARIA CHIARA MIDURI and LUCIA GALASSO

Capire come l’essere umano si rapporta all’ambiente in cui vive racchiude in sé aspetti che afferiscono sia all’antropologia culturale che all’antropologia biologica. Studiare i fattori che influenzano le modalità di stanziamento e di antropizzazione del territorio, sia in senso spaziale che temporale, risulta quanto mai utile nella società contemporanea, caratterizzata da dinamiche di cambiamento a diversi livelli. VEMA, il tema del Padiglione Italiano alla X Biennale di Architettura 2006, dimostra le grandi potenzialità del dialogo tra antropologia e architettura, allo scopo di trovare soluzioni pratiche al contesto urbano del XXI secolo, e la validità di un approccio interdisciplinare tra diverse branche dell’antropologia. In questo articolo viene presentato il quadro generale che fa da sfondo al progetto, che verrà in seguito approfondito..

[Read the article in PDF format (160 Mb)]


NIncursione nella "città altra" e dentro me stesso
by DAMIANO TULLIO

Ricordo un tempo in cui correvo sull'erba di un grande casolare in campagna dove vivevano i miei nonni paterni, avrò avuto al massimo otto anni, tra le lunghe fronde dei salici e le insidiose ortiche immaginavo avventure esotiche, ero un piccolo Indiana Jones in una giungla di immaginazione che lo stesso Salgari avrebbe soltanto potuto invidiare.

[Read the article in PDF format (97 Kb)]


Umanesimo Olistico e GJC. Discorso introduttivo alla cerimonia di premiazione del Global Junior Challenge 2007
by ALFONSO MOLINA

Sindaco di Roma, Autorità Politiche delle Città del Mondo qui presenti, Leader e Manager di progetti finalisti, insegnanti, studenti, Signore e Signori, Essere qui, in questa splendida sala, davanti a tutti Voi con i vostri sogni, le vostre aspirazioni e la vostra determinazione a contribuire allo sviluppo sostenibile di questo nostro mondo, mi riempie di gioia, entusiasmo e fiducia per il futuro dell'umanità e del pianeta.

[Read the article in PDF format (22 Kb)]


L’epica moderna di 300. Lettura critica della graphic novel e del film
by MARCO MENICOCCI

Criticato per i suoi contenuti ideologici, 300, nella sua versione filmica e disegnata, è stato accusato di essere un’opera reazionaria. Una serie di approfondimenti progressivi rivela la coesistenza di più livelli di lettura, non sempre coerenti. Sotto la patina reazionaria si celano suggestioni irrazionalistiche e volontaristiche che, a loro volta, sembrano essere espressione di una forte ansia di assoluto. Più che esaltare la violenza l’opera prefigura per l’occidente un bivio, forse impossibile, tra due diverse alienazioni.

[Read the article in PDF format (53 Kb)]

Current Issue


Antrocom 18-1 is on-line

Call for Paper

Antrocom, Volume 18, Number 2, 2022

Per favore leggere con attenzione il testo.

Plese read the Full text available

Acrobat Reader


To ead articles in PDF format, please install the “Acrobat Reader” plug-in. You can freely get it visiting Adobe website.



Il gestore del sito, su questo sito, ha anonimizzato Google Analytics, disattivato le opzioni che consentano ad Google Analytics di tracciare gli utenti demograficamente, ma ha mantenuto l'avviso che per navigare il sito non è obbligatorio accettare alcuna politica o scelta riguardo ai Cookie in quanto ci sono solamente dei cookie tecnici (per saperne di più).

On this site, we anonymized Google Analytics, disabled the options that allow Google Analytics to track users demographically, but we retained the notice that in order to browse the site it is not mandatory to accept any policy or choice regarding Cookies as there are only technical cookies (read more).


Privacy and Cookie Policy


E-mail

Copyright © 2022. All Rights Reserved.