La Corsa nell’evoluzione umana

L’anatomia umana si sarebbe sviluppata più di 2 MA sotto la pressione e lo stimolo indotto da un’attività di corsa, poiché attività necessaria ai nostri antenati nel competere con gli altri predatori per l’approvvigionamento di cibo nell’ambiente della savana. Proprio la corsa, in particolare la corsa su lunghe distanze, avrebbe stimolato la differenziazione dello scheletro e dei complessi muscolari umani a partire dalle Australopitecine. Questo il risultato, pubblicato il 18 Novembre 2004 sulla rivista Nature, dei decennali studi del Biologo Dennis Bramble dell’Università dello Utah e l’antropologo dell’Università di Harvard Daniel Lieberman.