Il documentario come strategia di resistenza e sviluppo

L’articolo si basa sul materiale raccolto durante e dopo le ricerche effettuate per la mia tesi di laurea in Etnografia. Si vuole riflettere sulla trasformazione delle forme tradizionali e delle retoriche espressive della comunicazione a seguito dell’impiego delle tecnologie audiovisuali come ulteriore strumento di comunicazione e della dilatazione di soggetti in grado, oggi, di produrre comunicazione audiovisiva. Nello specifico vorrei focalizzare l’attenzione sulle potenzialità del genere documentario come forma di resistenza e sviluppo per gruppi di popolazioni autoctone, spesso svantaggiate, che si trovano di fronte le sfide del cambiamento ed al potere persuasivo dei modelli occidentali.