L’ecologia umana tra sistemi naturali e sistemi sociali: dalla suscettibilità alla vulnerabilità

I rischi ambientali che la salute umana si trova oggi ad affrontare si manifestano sempre più in una indistinguibile separazione dai sistemi sociali. Una visione scientista e riduttiva che relegava l’umano ad un esclusivo materiale organico ha sempre sottratto ad esso ogni significato sociale, culturale e politico. Il passaggio da una suscettibilità genetica ristretta per alcuni ad una vulnerabilità generalizzata per tutti porta a considerazioni etiche sostanziali. La tutela della salute di noi esseri umani passa inevitabilmente attraverso la tutela dell’ambiente che per le sue qualità e condizioni deve consentire a tale vulnerabilità e dipendenza di poter continuare ad esistere.